Itinerari: Mosaico in Alto Adriatico


Itinerari: Mosaico in Alto Adriatico

Il mosaico Romano e Paleocristiano

Le strade dei Romani

Ecco un itinerario un pò insolito, da consumarsi in tre o quattro giornate.

  1. Ravenna
  2. Venezia
  3. Concordia Sagittaria
  4. Cervignano del Friuli
  5. Aquileia
  6. Grado
top

Battistero degli Ariani: il battesimo di Cristo

Ravenna

A Ravenna, si puo’ ammirare il fasto dell’ultima residenza imperiale romana nella raffinatezza dei mosaici del Mausoleo di Galla Placidia e della Basilica di San Vitale.

Galla Placidia: i cervi alla fonte

Alla Basilica di San Vitale, è d’obbligo stare ad osservare, in sacro rispetto, il corteo imperiale dell’Imperatore Giustiniano I e della consorte Imperatrice Teodora, che entrano nella basilica, fra dignitari e alti prelati, per celebrare la vittoria della Guerra Gotica.

Dopo la caduta di Ravenna e la fine dell’Impero Romano d’Occidente, nel 476 d.C., l’Italia, era rimasta in mano ai barbari Ostrogoti che vi avevano fondato un regno.

Dal 535 al 553, Giustiniano, imperatore romano d’Oriente, intraprese una guerra, detta appunto Guerra Gotica (magistralmente raccontata da Procopio di Cesarea), con lo scopo di recuperare questi territori all’Impero Romano. In Italia vennero inviati i generali Belisario e Narsete.

Giustiniano e Teodora rimasero a Bisanzio (odierna Istanbul), né mai fecero visita a Ravenna, anche dopo la fine vittoriosa della guerra.

Tuttavia, i dignitari di Ravenna in omaggio all’Imperatore e alla sua consorte, dedicarono questo sontuoso corteo ieratico che possiamo osservare nella Basilica di San Vitale.

La storia segreta di Giustiniano e Teodora

Oltre alla Guerra Gotica, a Procopio viene attribuito anche un altro libro, intitolato Storia Segreta. Si tratta di una pesante invettiva contro la coppia imperiale, pubblicata anonima, ma in seguito attribuita allo stesso Procopio di Cesarea.

Basilica di San Vitale: il corteo di Giustiniano

Ogni volta che vado a Ravenna e guardo Giustiniano e Teodora, affacciarsi in atteggiamento ieratico verso il pubblico della Basilica, non posso fare a meno di sorridere e rammentare le enormi invettive stampate in questo libello. 🙂

Il lettore mi perdoni per quanto di seguito racconterò con lingua bifida e velenosa, ma è quanto scrive Procopio.

Racconta questi che Teodora era una giovanissima ballerina che mostrava il suo corpo durante gli spettacoli, per poi accontentare i clienti nei camerini sul retro del teatro.

La vide Giutiniano e se ne invaghì. La voleva sposare, ma la legge impediva ad un imperatore di sposare una donna del popolo, quindi egli fece cambiare la legge e diede libertà a tutti di sposare chiunque, così tutte le donne di dubbia reputazione ebbero l’accesso ai beni della nobiltà imperiale. E’ sempre Procopio che lo racconta.

Basilica di San Vitale: il corteo di Teodora

Durante la guerra, Giustiniano era impegnato in questioni teologiche, discutendo con i vescovi se Dio era uno oppure trino, il Figlio è generato dal Padre, oppure procede dal Padre oppure è consustanziale ecc., …insomma, faceva dei bizantinismi, come si usa dire ancora oggi, per indicare una persona che pone questioni astruse e incomprensibili.

L’Imperatrice Teodora, invece, e la moglie del generale Belisario, generale che era impegnato in guerra in Italia; si divertivano nei festini cui entrambe partecipavano, durante le serate della movida di Bisanzio.

Dice Procopio che Teodora avesse molto ascendente su Giustiniano, per cui, se per caso ella fosse venuta in uggia di qualcuno, questi era sicuramente un uomo morto: una parola a suo marito e l’imperatore l’avrebbe fatto immediatamente giustiziare.

Durante le udienze di corte, le persone che volevano parlare con l’Imperatore, dovevano rivolgersi prima all’Imperatrice, che li faceva stare ore e ore tutti in piedi in una stanza, in assoluto silenzio, con la sola possibilità di alzarsi leggermente sulla punta dei piedi, nella speranza di farsi notare facendo sporgere la testa sopra quella degli altri. Una grande umiliazione, per nobili di alto rango, essere costretti a farsi giudicare da una ex ballerina di teatro. 🙂

Io credo che le dicerie sull’imperatrice Teodora non siano vere, e siano state dettate dal rancore esasperato dell’autore dello scritto nei confronti della coppia imnperiale. Ma torniamo ai nostri mosaici.

Le dispute teologiche

Le differenze di interpretazione teologica fra ariani e cristiani si possono osservare fra Battistero degli Ariani e Battistero Neoniano.

Battistero Neoniano: il battesimo di Cristo

Chiesa e Impero si uniscono infine durante il periodo dell’Imperatore Giustiniano.

Santi, Vescovi, Imperatori, tutti si trasfigurano in immagini ieratiche statiche soffuse da un’aurea dorata.

Basilica di San Vitale, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, Basilica di Sant’Apollinare in Classe.

E’ il trionfo dell’arte musiva bizantina.

top

Torcello: Giudizio Universale. I dannati

Venezia

Basilica di San Marco: cupola dell'Ascensione

Ma dalle nebbie dei cosiddetti secoli bui dell’Alto Medioevo, gia’ si intravedono elementi di rinnovamento.

Si va a Torcello, sulla laguna di Venezia, per ammirare il mosaico del Giudizio Universale nella basilica. Siamo nel VII Secolo e qualche elemento di umanita’ traspare dai volti.

Ma bisogna recarsi alla basilica di San Marco, a Venezia, per capire che quei notabili veneziani, dopo aver acquisito le tecniche artistiche bizantine, gia’ si stanno creando un loro stile proprio, piu’ umano, meno ieratico, piu’ terreno.

top

Concordia - Cattedrale di Santo Stefano: l'antico pavimento a mosaico

Concordia Sagittaria

Importante centro romano, Iulia Concordia, fondata, secondo l’ipotesi attualmente più accreditata, nel 42 a.C. presso l’incrocio della Via Annia con la Via Postumia. Successivamente, probabilmente in età medievale, il centro è chiamato solo Concordia, fino al 1868 quando un Regio Decreto ne determina l’appellativo di Concordia Sagittaria, riferendosi all’antica fabbrica di frecce (in latino sagittae) che vi trovò sede all’inizio del IV sec. d.C. (Notizie estratte da Wikipedia)

In seguito all’editto di Costantino la comunità cristiana presente nella città di Iulia Concordia si organizzò per la costruzione di un primo luogo di culto. Venne poi costruita la Basilica Apostolorum, una basilica a tre navate con il pavimento mosaicato. La basilica venne consacrata nel 389 ed elevata a cattedrale da san Cromazio, vescovo di Aquileia. L’edificio cadde in disuso in seguito all’alluvione del 589.

Sotto l’attuale cattedrale di Santo Stefano, si possono ammirare i pavimenti a mosaico dell’antica basilica, di epoca romana tardo imperiale.

top

Cervignano: particolare del mosaico dell'Abbazia

Cervignano del Friuli

A Cervignano, un rapido sguardo all’arte musiva del periodo del monachesimo (VIII Secolo) fra i resti dell’Abbazia di San Michele Arcangelo.

top

Aquileia: mosaico del pavimento non spazzato (particolare)

Aquileia

Colonia romana fondata nel 181 a.C., fu capitale della X regione augustea e metropoli della chiesa cristiana. Insieme con Ravenna è il più importante sito archeologico dell’Italia settentrionale, per quanto riguarda l’arte musiva dell’Alto Adriatico.

Aquileia: giudeo-cristianesimo, il ciclo di Giona

Ad Aquileia, Grado e Concordia, si possono ammirare mosaici romani di epoca imperiale.

I pavimenti del Complesso Basilicale sono interamente costituiti a mosaico.

Si possono ammirare varie fasi della evoluzione del Cristianesimo nei primi secoli, a partire da motivi gnostici e giudeo-cristiani, fino alla totale supremazia dei motivi del Cristianesimo attuale.

Il Cristianesimo attuale, sorto dal nucleo della prima testimonianza di Gesù e dei Vangeli, è il risultato di una intensa attività di esegesi da parte dei cosiddetti Padri della Chiesa, fino all’editto di Costantino, del IV secolo, che ha sancito la nascita della struttura attuale della Chiesa cristiana, con la sua liturgia, i suoi dogmi, e la struttura gerarchica del clero.

Mosaici romani, a motivi civili e non religiosi, si possono ammirare principalmente nel Museo Archeologico di Aquileia, che consiglio vivamente di visitare, almeno per non perdersi il curioso mosaico del “pavimento non spazzato”, fatto con disegni di avanzi di pesce, ossa di arrosto, frutta mangiucchiata, verdura e vino.

Si passa poi a visitare i mosaici delle varie domus romane lungo il percorso guidato attraverso le vie dell’antica città.

Partendo dal II sec.a.C., da disegni di carattere geometrico o naturalistico si passa gradualmente ad elementi della tradizione cristiana, fino ad arrivare ai secoli del declino e caduta dell’impero e dell’affermazione definitiva del Cristianesimo.

top

Grado: mosaico pavimentale del Duomo

Grado

Il nome Grado, d’origine latina, “Gradus” ossia porto, dà subito un’idea di quelle che erano le funzioni di questa località in epoca romana, durante la quale il sito era collegato ad Aquileia da una strada, oggi sommersa dalle acque della laguna.

Divenne rifugio e poi sede definitiva di molti profughi che fuggirono da Aquileia sull’isola per salvarsi dalle invasioni barbariche.

Ma è ora di concludere il nostro itinerario, siamo agli albori di una nuova epoca, il Medioevo.

top

Sintesi dei principali mosaici

Aquileia
  • Museo Archeologico
    • pavimento non spazzato
    • mosaico del triclinio
    • pavimento sectile tessellato
    • mosaico geometrico con pseudo emblema
    • emblema con pesci
    • mostro marino che tira un cocchio
    • Tritone e Nereide
    • mosaici con atleti
  • Fondo Beneficio Parrocchiale
    • mosaici della casa romana
  • Fondo demaniale Cal
    • mosaici con animali
    • mosaico con satiro
  • Oratorio del Buon Pastore Fondo Demaniale Cal.
    • mosaico del Buon Pastore
  • Complesso Basilicale
    • mosaici aula teodoriana nord: animali
    • mosaici di prima campata
    • mosaici di seconda campata
    • mosaico della terza campata, interno del campanile
    • mosaici aula teodoriana sud: la vicenda di Giona
    • Chiesa post-teodoriana
      • mosaico geometrico
    • Museo Paleocristiano
      • la Fenice radiata
    • Chiesa post-attilana
      • mosaico della navata centrale
  • Chiesa di Monastero
    • mosaici delle campate
  • Fondo demaniale Cossar
    • mosaici romani e paleocristiani
Grado
  • Duomo
    • mosaici delle navate
    • cappella del vescovo Marciano
    • Salutatorium del vescovo Elia
  • Chiesa di Santa Maria delle Grazie
    • mosaici del livello inferiore
    • mosaico della prothesis
  • Battistero
    • mosaico pavimentale
  • Chiesa di Piazza della Corte
    • mosaico pavimentale
Concordia Sagittaria
  • Basilica paleocristiana
    • mosaico della solea
    • mosaici delle navate
Cervignano
  • Abbazia di S.Michele Arcangelo
    • mosaico pavimentale
Ravenna
  • Mausoleo di Galla Placidia
    • lunetta con il Buon Pastore vestito in abiti imperiali
    • mosaico della cupola, cielo stellato
  • Battistero degli Ariani
    • mosaico della cupola, Battesimo di Cristo
  • Battistero Neoniano
    • mosaico della cupola
  • Basilica di S.Apollinare Nuovo
    • Corteo delle Vergini
    • Cristo Giudice separa le pecore dai capretti
    • Ultima cena
  • Basilica di S.Vitale
    • mosaico della volta presbiteriale: l’Agnello Mistico
    • processione imperiale: Giustiniano da una parte, Teodora dall’altra
  • Basilica di S.Apollinare in Classe
    • catino absidale: Trasfigurazione, il prato del Paradiso
Venezia
  • Cattedrale di Torcello
    • Giudizio Universale
  • Basilica di S.Marco
    • cupola dell’Ascensione
    • Apparizione delle reliquie del corpo di S.Marco
    • Orazione nell’orto
top

L’itinerario per il navigatore satellitare

Longitude,Latitude,Name
12.19634,44.42058,”Ravenna -Basilica San Vitale VI sec Via San Vitale”
12.19687,44.42085,”Ravenna -Mausoleo Galla Placidia V sec”
12.1974,44.41616,”Ravenna -Battistero Neoniano V sec”
12.2026,44.41887,”Ravenna -Battistero Ariani V sec”
12.20427,44.41669,”Ravenna -Basilica S.Apollinare Nuovo VI sec”
12.2319,44.38029,”Ravenna -Basilica S.Apollinare In Classe VI sec”
12.339041,45.434208,”Venezia -Duomo di Piazza S.Marco”
12.4191,45.498257,”Torcello -Cattedrale di Santa Maria Assunta”
12.841242,45.758533,”Concordia -Domus con mosaici 1″
12.842299,45.760292,”Concordia -Domus con mosaici 2″
12.845099,45.755943,”Concordia -Complesso Basilicale”
13.332433,45.82093,”Cervignano del Friuli -Abbazia di San Michele mosaico”
13.360898,45.777245,”Aquileia -Mosaico con testa di Tritone”
13.365126,45.777168,”Aquileia -Mosaico delle Bestie Ferite”
13.366885,45.776512,”Aquileia -Mosaico di Licurgo e Ambrosia”
13.367132,45.775837,”Aquileia -Mosaico con uccello in gabbia”
13.367497,45.775719,”Aquileia -Mosaico di triclinio”
13.367368,45.775291,”Aquileia -Mosaico del tappeto fiorito”
13.371123,45.777821,”Aquileia -Chiesa di Monastero e M.Paleocristiano”
13.370876,45.769768,”Aquileia -Complesso Basilicale”
13.36887,45.767673,”Aquileia -Museo Archeologico”
13.367937,45.769112,”Aquileia -Oratorio Meridionale fondo dem.CAL”
13.367733,45.769558,”Aquileia -Oratorio del Buon Pastore Fondo Dem.CAL”
13.367271,45.768997,”Aquileia -Casa Romana con mosaici Fondo Ben.”
13.384577,45.676571,”Grado -Chiesa di Santa Maria”
13.385392,45.676682,”Grado -Chiesa di S.Eufemia Duomo”
13.385543,45.675789,”Grado -Chiesa Piazza della Corte”

 

2 pensieri su “Itinerari: Mosaico in Alto Adriatico

  1. Bellissimo questo articolo, interessante. Visto che Theodora soddisfava sessualmente gli uomini, l’ l’unico che non suscitava interesse era il povero scrittore!!!! Non credo che i pregiudizi maschili siano giunti ad un dunque, solo x abitiamo una società democratica e liberale, anzi . . . Che tristezza, anche se ammettono alla loro insaputa, di quanto noi donne governiamo l’ordine di un mondo imperfetto e complesso! Lilli

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...