15 Gorgognano – Borgo fantasma


Bologna - la statua del Nettuno

Bologna – Escursione breve

Gorgognano – Borgo fantasma

gufo separatore

Alla ricerca di luoghi insoliti e curiosi.

Fra le cose che mi piace visitare, ci sono i borghi fantasma. Borgo fantasma viene detto quel luogo abitato che viene successivamente abbandonato dagli abitanti, per un motivo o per l’altro.

E Gorgognano è proprio un borgo fantasma. Ma tanto fantasma.

Tanto è vero in quanto, una volta arrivati sul luogo, ci si chiede: “…e il borgo dov’è?”. Infatti dalla strada non si vede.

Ma c’è di più. E non lo dico per scoraggiare i potenziali visitatori, quanto perchè, mezzo chilometro prima di arrivare, c’è un bivio e un bel cartello stradale che indica di girare a sinistra perchè quella è “Via Gorgognano”.

Invece la direzione del borgo fantasma è quella che prosegue dal bivio verso destra, dove non è indicato niente. Il borgo fantasma si trova quindi a destra del bivio, circa mezzo chilometro più avanti.

Nessun problema, però. Se no, che borgo fantasma è quello che viene correttamente ed esaustivamente indicato dai cartelli stradali?
Un borgo fantasma che rispetti la sua denominazione deve giustamente essere anche malamente indicato. Dico questo col sorriso sulle labbra e non perchè contrariato. 🙂

La balena pliocenica

Dunque, al bivio, proseguire a destra, dove non è alcuna indicazione.
Proseguendo nella direzione sbagliata, cioè a sinistra, però si trova una piacevole sorpresa: la balena piocenica.
Ho detto giusto. In cima alla montagna è stata ritrovata una balena di 200 milioni di anni fa, spiaggiata e morta lì, sulla cima di quel colle.

Sì, perchè la linea di costa, a quei tempi, era proprio lì. Evidentemente la Pianura Padana era completamente sommersa dal mare.
Così, oggi, un povero disgraziato, come me, va a cercare Gorgognano e si trova di fronte a una balena scolpita nella roccia!

Il borgo fantasma

E’ una cosa veramente buffa. Ma torniamo a Gorgognano.

Quel che si individua abbastanza bene è la chiesetta, l’unico edificio rimasto in piedi.
Dalla chiesetta, proseguendo sulla cima del colle per duecento o trecento metri, si arriva alle rovine dell’abitato. Si capisce di stare calpestando le macerie perchè un cartello indica che quello è l’abitato di Gorgognano.

Due sassi qui, una fila di pietre là, qualche accenno alle fondamenta di un edificio, un sentiero troppo largo per essere solo un sentiero nel bosco. E’ tutto.

Il bosco ha lentamente ricoperto di vegetazione tutte le macerie.

Però il fascino dell’esplorazione e della scoperta, la fantasia che corre immaginando cosa poteva esserci qui e cosa poteva esserci là, la sorpresa di trovare una balena scolpita in cima a una montagna; tutto ciò merita sicuramente lo sforzo necessario per visitare il borgo fantasma di Gorgognano.

gufo separatore

 

Longitude,Latitude,Name
11.379861811871601,44.35951273612668,”Gorgognano -Borgo fantasma”
11.383230540708015,44.360317733807975,”Gorgognano -ingresso per la chiesetta”
11.378244313975332,44.35786163374377,”Gorgognano -ingresso per l’abitato”
11.374371204038344,44.36099898006013,”Gorgognano -La balena pliocenica”

gufo separatore

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...